vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Sarezzano appartiene a: Regione Piemonte - Provincia di Alessandria

Parrocchiale dei Santi Ruffino e Venanzio

La chiesa, posta sull’altura dove era anticamente insediato il castello, funge da nucleo attorno al quale si sviluppa l’intero centro abitato e costituisce un significativo esempio di architettura romanica.
Dopo la costruzione della nuova chiesa parrocchiale che sorse negli anni settanta del Novecento al centro di Sarezzano, l’antica plebs venne progressivamente abbandonata ed aperta al culto solo in particolari occasioni, come nella ricorrenza dei Santi Patroni.
Lo stato di degrado avanzò inesorabilmente ed ebbe un’ulteriore aggravante in seguito agli eventi sismici del 2003, che compromisero in maniera significativa l’architettura e la stabilità dell’edificio. Nel 2006 è stato aperto il cantiere, tuttora attivo, per il l’intervento di restauro e consolidamento statico dell’edificio. Si è provveduto, in primo luogo, alla messa in sicurezza della chiesa tramite il rifacimento della orditura lignea del tetto e del manto di copertura; successivamente si è proceduto con le indagini archeologiche del piano terra, che hanno portato al rinvenimento di differenti rilevanze archeologiche. In particolare sono emerse dallo scavo: l’abside centrale affrescata; la cripta medievale; un ossario adiacente alla cripta (forse il luogo di sepoltura dei Santi Ruffino e Venanzio) e alcune tombe che occupano la parte restante della navata non occupata dalla cripta.
Come si può facilmente intuire, le spese sostenute per questo capillare intervento sono state ingenti: un cospicuo contributo è stato erogato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona, che ha da subito creduto nella valorizzazione di un bene così prezioso per il tortonese, mentre , in tempi più recenti, va segnalato anche il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che vede nella piccola chiesa di Sarezzano un punto importante della valorizzazione territoriale della nostra provincia. Anche la Conferenza Episcopale Italiana e la Regione Piemonte hanno contribuito alla copertura economica
Attualmente i lavori sono in una fase di stallo, a causa della carenza di ulteriori finanziamenti che consentano di ultimare l’intervento. Questo pomeriggio di studi vuole essere l’occasione per fare conoscere lo stato attuale dei lavori eseguiti e focalizzare l’attenzione della comunità’ su un bene della Diocesi di Tortona che si spera di potere rendere nuovamente fruibile nei prossimi anni.